geoloc2
Agenzia Immobiliare AB CASE
Via Fratelli Bandiera, 29
87036 Rende (CS)
phone2  Ufficio 0984846381
Mobile 3467543667
E-mail info@abcase.info

una calcolatrice di fronte a un modello di villa house con un progetto 1387 31L'acquisto di una casa è soggetto al pagamento di quattro diverse tipologie di imposte:

IVA: acronimo di imposta sul valore aggiunto, è un' imposta indiretta, gravante cioè sui consumi (cessione di beni o una prestazione di servizi)

  • IMPOSTA DI REGISTRO: è un'imposta indiretta dovuta per la registrazione di una scrittura, pubblica o privata, il cui importo varia in funzione dei valori espressi nella scrittura medesima
  • IMPOSTA IPOTECARIA: è il tributo dovuto per le operazioni di trascrizione, iscrizione, rinnovazione, cancellazione e annotazione nei Pubblici Registri Immobiliari
  • IMPOSTA CATASTALE: è l' importo da versare al Catasto Immobili dell'Agenzia delle Entrate per la registrazione del trasferimento immobiliare

 

 Vediamo ora in che misura vengo applicate tali imposte quando si acquista un immobile succesivo al "primo" o, comunque,

che non ha le caratteristiche richieste per il «bonus prima casa».

 

 Quando si acquista da privato o un’impresa in esenzione di IVA

Se il venditore è un privatoun’impresa che ha ultimato i lavori da oltre 5 anni, la regola generale è che la cessione è esente

da IVA. In questo caso, quindi, l’acquirente dovrà pagare:

• l’imposta di registro in misura proporzionale del 9% da applicare sul prezzo di acquisto

• l’imposta ipotecaria fissa di 50 euro

• l’imposta catastale fissa di 50 euro

 

In entrambi i casi, le imposte di registro, ipotecaria e catastale verranno versate dal notaio al momento della registrazione dell’atto.

 

ATTENZIONE:

Sia quando si compra da un’impresa in esenzione dall’Iva sia quando si compra da un privato, l’imposta di registro proporzionale non può comunque essere di importo inferiore a 1.000 euro. Tuttavia, l’importo effettivamente da versare potrebbe risultare inferiore per effetto dello scomputo dell’imposta proporzionale già versata sulla caparra quando è stato registrato il contratto preliminare.

Gli atti assoggettati all'imposta di registro proporzionale e tutti gli atti e le formalità necessari per effettuare gli adempimenti presso il catasto e i registri immobiliari sono esenti dall'imposta di bollo, dai tributi speciali catastali e dalle tasse ipotecarie.

 

Qando si acquista da un'impresa soggetta ad l'IVA

Come già detto, la cessione di fabbricati a uso abitativo da parte delle imprese è, come regola generale, esente da IVA.

Tuttavia,  si applica tale imposta:

• alle cessioni effettuate dalle imprese costruttrici o di ripristino dei fabbricati entro 5 anni dall’ultimazione della costruzione

o dell’intervento oppure anche dopo i 5 anni, se il venditore sceglie di assoggettare l’operazione a IVA (la scelta va espressa

nell’atto di vendita o nel contratto preliminare)

• alle cessioni di fabbricati abitativi destinati ad alloggi sociali, per le quali il venditore sceglie di sottoporre l’operazione a Iva

(anche in questo caso, la scelta va espressa nell’atto di vendita o nel contratto preliminare)

 

In questi casi, l’acquirente dovrà pagare:

l’IVA al 10% (al 22% per gli immobili di lusso classificati o classificabili nelle categorie A/1, A/8 e A/9) da applicare al valore

catastale

• l’imposta di registro fissa di 200 euro

• l’imposta ipotecaria fissa di 200 euro

• l’imposta catastale fissa di 200 euro

 

 

Ricapitolando

LACQUISTO DI UNA CASALE IMPOSTE

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok